Rotta di Baia Vallugola – Pesaro


** Tour moderato: questi tour sono per i intermedi, perché ci sono grandi distanze, o perché ci sono tratti lunghi in cui non puoi scendere.      Vallugola – Fiorenzuola A.R. 14 km NM 8,5         Pesaro 20 km NM 12,5

Secondo una vecchia leggenda, le acque cristalline della Vallugola nasconderebbero un’ intera città sommersa: la romana Valbruna, nota anche come l’Atlantide dell’Adriatico. Per anni archeologi e sommozzatori hanno cercato invano i resti di questa città, scomparsa misteriosamente nelle nebbie dei secoli, anche se ancora oggi, nelle giornate più limpide,

qualcuno giura di scorgere i ruderi di antiche abitazioni, con strade, colonne e templi. Tralasciando le leggende, la baia di Vallugola è un ottimo punto di partenza per esplorare questo magnifico tratto di costa che fa parte del Parco Naturale del Monte San Bartolo.  Procedendo verso Pesaro si può ammirare la peculiarità di questo luogo: la falesia a mare che emerge dalle basse acque marine con le sue strette spiagge ciottolose come un susseguirsi ondulato di speroni e valli, intervallate da pareti a strapiombo. In primavera l’acqua cristallina, il giallo delle ginestre e l’azzurro del cielo si ricongiungono dando vita a uno scenario affascinante.

Si giunge rapidamente alla prima scogliera sotto Casteldimezzo, un antico borgo che sorge a picco a circa 200 metri s.l.m., un vero e proprio “balcone” naturale da cui lo sguardo può spaziare verso un ampio orizzonte nel quale spiccano il Castello di Gradara, San Marino ed il Monte Catria. Altri 2 km di pagaiate e si giunge finalmente a Fiorenzuola di Focara  un altro caratteristico borgo fortificato citato anche da Dante nel XXVIII Canto dell’Inferno 

La stretta e lunga spiaggia sabbiosa protetta dalla scogliera è meta di numerosi turisti che devono faticare non poco per raggiungerla percorrendo a piedi l’unica lunga, tortuosa e ripida strada.(foto) A questo punto, dopo un salutare e rinfrescante bagno nelle acque di Fiorenzuola, volendo si può invertire la rotta e far ritorno a Vallugola oppure continuare a costeggiare la falesia e passata la croce del San Bartolo e la scogliera di Marina Alta arrivare a Baia Flaminia giro di boa, oppure organizzarsi con un mezzo di recupero per il rientro.