Una luuuuga discesa del Santerno


Una luuuunga discesa del Santerno                 

 

Scritto da Alvaro Casali 
Venerdì sera mi sento con Arnaldo x organizzare una pagaiatina in fiume: si parlava del “solito” marecchia alto, che quest’anno con tutte le nevicate che ci sono state, è stato quasi sempre navigabile. Poi, parlando, mi viene in mente che avevo visto su facebook che i ragazzi dell’acqua sport Santerno, si trovavano a Castel del Rio per discendere l’omonimo fiume che io non avevo mai fatto.
Arnaldo, che ha qualche capello bianco, ma lo spirito di un 14enne, ci pensa… e pochi minuti dopo, mi richiama….”dai andiamo a fare il SANTERNO!!!
Così sabato mattina, carichiamo le nostre innamorate ( le Consorti e le canoe 🙂 !!!!! ) sul furgone e partiamo.
Nella piazza del paese, incontriamo tanti appassionati come noi, che arrivavano dalla vicina Bologna, ma anche da Ferrara e da Vicenza e da Valstagna: insomma un mini raduno!!
Alla partenza ci aspetta subito una bella rapida, con qualche passaggio “sporco” che a farla da freddi, non è il massimo…..ma ne avremo di fiume per scaldarci..!!!


Ad ogni buco mi fermo a giocare con le onde che si formano, e ce ne sono di davvero di divertentissime: Arnaldo, però, dopo 1h e 1/2 mi richiama all’ordine….: ” guarda che non siamo neanche a metà!!!” mamma mia…. io sono già cotto ed ho le spalle indolenzite…sarà meglio darsi una regolata!!
Il fiume regala bellissimi passaggi, con rapide impegnative e molto adrenergiche, il tutto immerso in un contesto paesaggistico selvaggio e molto bello: una nota particolare và alla cascata del Moraduccio alta un trentina di metri: bellissima!!
Dopo più di 3 ore, arriviamo allo sbarco, dove la Cristina e la Carmen ci aspettano: mi sono veramente divertito! Grazie a tutti della compagnia….e alla prossima avventura in kayak!!!