News di Settembre


                        Notizie,analisi,documenti sul nostro club e sul mondo della canoa a cura           di Croccolino r Arnaldo Croccolino         

______________________________________________

INFO CLUB

 

 

09 Settembre 2017 Maurizio alla Maraamu Surfski Race di Bora Bora

 

 

Tra le numerose iscrizioni già arrivate c’è anche quella del nostro campione Maurizio Tognacci, parteciperà alla Maraamu Surfski Race; è l’isola di Bora Bora ad ospitare questa prova del mondiale. Mauri ha partecipato anche l’anno scorso e la gara lo ha da subito colpito, per l’aspetto organizzativo e per il tracciato non banale; ” Mi sono preparato con attenzione e anche quando nelle prime gare ho raccolto buoni risultati, ho continuato a pensarci “ ha detto Maurizio. Nonostante la gara sia singolare, importante ed interessante, bisogna ammettere che Mauri fra tutti è il migliore. Adesso è chiamato all’impresa, più che mai è fondamentale stringersi attorno al nostro campione. Vorremmo essere li a tifare per l’intensità della sua pagaiata e per il talento, per vedere il piede che spinge sull’acceleratore e Maurizio che chiude i conti con la Maraamu. Forza Mauri!

PROGRAMMA
Venerdi 8 Settembre
BRIEFING -18,30 e prove libere del weekend di gara.
Cena -19,30 delegazione tutti disponibili.
Sabato 9 Settembre
-6,00: colazione
-8,30: Varo dei Kayak.
-9,00: Partenza TAHAA / BORA 39,5 KMS.
-11,30: arrivo a Vaitape
-12,30: pranzo offerto in loco.
-18.00: Premiazione all’ hotel Maitai Polynesia
Cocktai, animazione musicale e cena la serata continua con musica e danze

 

23 Settembre 2017 Scrivi la storia del Canoa Club Rimini

 

Conto alla rovescia per la posa della Prima Pietra per la nuova sede del Canoa Club Rimini. Il nuovo edificio prefabbricato si svilupperà su di un piano di 40 mq, ospiterà un nucleo centrale ricreativo e due spogliatoi. La struttura è stata pensata e progettata con criteri e caratteristiche adeguate al territorio, nell’ occasione sarà esposto il progetto. La cerimonia avrà inizio alle 16 di Sabato 23 Settembre in Via Antonio Labriola. Una serata da trascorrere tra amici … e un buffet da gustare offerto dal club. Scrivi il tuo nome nella storia del club, nel corso della serata saranno formati dei mattoni di argilla fresca (poi cotta), dove all’ interno verrà inciso il nome dell’onorato con l’intento di rappresentare un tributo.

 

 

 

17 Settembre 2017 Gita al Conero
Come sappiamo a causa del cattivo tempo la gita è stata rimandata a Domenica 17 Settembre. Naturalmente il programma resta invariato:
La nostra escursione parte da sotto la “Torre De Bosis” nella baia di Potonovo, una spiaggetta incantevole, dove rimane semplice arrivare con le auto, scaricare i kayak e imbarcarsi. L’escursione non comporta difficoltà, pertanto è aperta a tutti i soci e accompagnatori. La partenza sarà alle ore 7 di Domenica 17 Settembre da Via Caduti di Marzabotto n° 8 (davanti casa di Ugo).
Info Ugo Donati cel 3336479852

 

 

24 Settembre 2017 Rimini in Sport
Manifestazione sportiva organizzata dal C.O.N.I. Rimini e patrocinata dal Comune di Rimini e in collaborazione con U.I.S.P. Dalle ore 10 alle ore 18 le numerose società sportive saranno ospitate a San Giuliano, al parcheggio Tiberio. Noi saremo presenti per una promozione sportiva con il nostro stand, al ponte di Tiberio nell’invaso Marecchia. Una Domenica di sport e divertimento, per provare non sole la canoa ma anche altri sport.

 

 

 

                                                    

PROMEMORIA TESSERAMENTO 2017

Buon anno a tutti, è partita la nuova campagna di tesseramento, è possibile sottoscrivere o rinnovare l’iscrizione al C.C.R. per l’anno 2017. Come sappiamo, per fare attività sportiva presso un’associazione iscritta, nel nostro caso alla F.I.C.K / C.O.N.I. è necessario presentare: Un certificato medico non scaduto e almeno una volta il certificato di un Elettrocardiogramma per attività non agonistica. Per coloro che hanno superato il 60°anno di età l’ ECG deve essere rinnovato ogni anno. Per ovvi motivi ai soci che non hanno rinnovato la tessera scatta il divieto di svolgere in assoluto attività sportiva in ogni luogo in nome del Canoa Club Rimini, perdono il diritto di svolgere attività amatoriale o agonistica, non possono utilizzare le strutture e le attrezzature. Il versamento in ritardo della quota non esenta il pagamento dell’intera annualità.

 

RADUNI & MANIFESTAZIONI

 

 

 

01-04 Settembre 2017 1^ Discesa Mantova Ferrara raduno per tutti

 

Manifestazione sportiva organizzata da Consorzio Oltrepo’
Da Mantova partendo dal Lago Inferiore, via Mincio e poi sul Po. Il percorso interessato dall’evento ha una lunghezza di circa 100 chilometri ed è caratterizzato da tre diversi segmenti:
1 settembre – Primo segmento: dal lago inferiore di Mantova a Revere-Ostiglia (circa 35 Km).
2 settembre – Secondo segmento: da Revere-Ostiglia a Sermide-Felonica (circa 30 Km);
3 settembre – Terzo ed ultimo segmento: da Sermide-Felonica alla conca di Pontelagoscuro e alla darsena di San Paolo di Ferrara attraverso il Canale Boicelli (circa 35 Km).
La discesa avrà una durata di tre giorni con due tappe intermedie e sarà aperta a tutti i tipi di imbarcazioni a remi. info: tel. 327 2266738 tel:3384755710

3-8 Settembre 2017 “Campionati Mondiali per Club di Dragon Boat – Venezia 2017”.

L’importante appuntamento, che si svolgerà sotto l’egida dell’International Canoe Federation (ICF) dal 3 all’8 settembre, spettacolo assicurato con circa 3000 partecipanti in laguna, tra atleti e accompagnatori: ad oggi sono già 780 gli atleti iscritti, provenienti da 34 club e in rappresentanza di 13 Paesi. Domenica 3 settembre alcuni club avranno la possibilità di partecipare al Corteo Storico in Canal Grande in occasione della Regata Storica. La cerimonia di apertura si terrà nel pomeriggio di lunedì 4 e le gare dal 5 al 7 si svolgeranno sulle distanze dei 500 e dei 200 metri sul campo di gara del Tronchetto, mentre venerdì 8 quelle sui 2000 metri andranno in scena nel bacino dell’Arsenale con, a seguire, la cerimonia di chiusura

 

09 settembre 2017 Nona edizione Casoni Aperti raduno per tutti
Organizza A.S.D. Sottocosta e Canoa Kayak Friuli – escursione in mare nella Laguna di Grado Aquileia Ore 9 ritrovo presso il “ Belvedere Camping Village” colazione offerta dall’organizzazione, ore 10 nei canali della laguna allo “Sbocco di Primero” sosta con pranzo al sacco offerto dall’organizzazione,partenza ore 13 sosta all’isola di Borbana ore 16 rientro, conclusione con cena alla sede del CKF/ Nautisette in V Dante 17 Info Riccardo Pittia 335-7284722

 

17 Settembre 2017 Padova in Voga 8^ edizione raduno per tutti
Organizza CSEN Padova manifestazione sportiva non competitiva alla scoperta della città dall’acqua . Percorso ad anello di circa 14 Km attraversando il centro storico di Padova
PROGRAMMA
Ore 9,00 ritrovo dei partecipanti in prossimità della conca/chiusa sul canale scaricatore ( lungargine Terranegra località Voltabarozzo – PD ) ; iscrizioni e consegna gadget della Manifestazione.
Ore 10,00 : partenza delle imbarcazioni, navigazione lungo il canale Scaricatore fino allo sbarramento sito in prossimità del ponte S.Agostino ; trasbordo oltre gli ostacoli e ristoro.
Imbarco a valle degli sbarramenti e proseguimento della navigazione lungo il canale Piovego ore 12,30 circa ; visita dall’acqua degli antichi manufatti idraulici e del monumento commemorativo alle Torri Gemelle.
Ore 13,00 circa: navigazione lungo le antiche mura di Padova con sosta alla scalinata del Portello per ammirare l’omonima porta e l’antico attracco fluviale della città. Allo sbarco consegna degli attestati di partecipazione e termine della manifestazione.
Per info U.S.B. CALYPSO adventure Tel. 392 9050037

 

17 Settembre 2017 Raduno Jurassic Kayak Raduno per tutti

Organizza Canoa Club Padova Limena. Discesa fiume Mis, Cordevole e Piave, imbarco in loc. Piz di Sospirolo (BL) ore 8 iscrizioni ore 11 partenza tratto lungo 12 Km ore 12 imbarco corto 6,5 Km ore 14 pranzo e riffa Info Luigino 3896706506

 

 

 

DA LEGGERE

PADDLER ezine  è un magazzine on line che consulto spesso soprattutto quando non ho nulla da leggere.
Su questo giornale si possono trovare articoli carini e spesso ci traggo spunto, offre un’informazione specifica, aggiornata sul mondo del della canoa.

cliccaci sopra per aprire la rivista

 

 

 

AVVENTURA

Cos’è una vita selvaggia in fiume?!

Tutti coloro che ci conoscono, immediatamente associano Susan e Adam Elliott = fiumi, almeno questo è quello che ci è stato detto. Quindi, non c’è da stupirsi se abbiamo deciso di vendere la maggior parte dei nostri beni, comprare un vecchio RV e partire per pagaiare 50 dei fiumi Wild & Scenic d’America (https://www.rivers.gov/) per 2 anni come Wild River Life.
Abbiamo trascorso gli ultimi 10 anni in giro per fiumi in tutto il mondo. Non abbiamo fatto discese per il nostro divertimento, ma siamo stati anche guide, portare ed educare gli studenti e mostrare le bellezze del fiume; inoltre abbiamo collaborato anche con imprese del turismo. Tuttavia, recentemente abbiamo cominciato a desiderare una maggiore familiarità con i fiumi del nostro paese, i fiumi che sono noti da generazioni.

VIAGGIARE CON UNO SCOPO
Abbiamo creato la Wild River Life per concentrarci su una serie di fiumi di cui non ne sapevamo molto tipo i Wild & Scenic River, siti americani protetti designati federalmente. Volevamo anche incarnare i nostri valori di vita con meno cose e intraprendere azioni per proteggere i luoghi all’aperto dove amiamo giocare.
Nonostante tanti anni sui fiumi, non sapevamo molto della designazione dei Wild & Scenic. Il Presidente Johnson ha firmato per i primi otto fiumi da proteggere nel 1968, per cui il 2018 è il 50° anniversario di quell’istituzione per valorizzare i fiumi nel loro stato selvaggio e liberi. Oggi, oltre 200 fiumi rientrano nella tutela della legge. La designazione Wild & Scenic è probabilmente il miglior strumento per preservare i valori liberi di un fiume I NOSTRI OBIETTIVI SARANNO SEMPLICI
Scendere 50 Fiumi selvaggi e scenografici entro la fine del 2018. Vivere con meno e semplicità mentre saremo impegnati in questa avventura fluviale. Viviamo nel Pacifico nord-occidentale e abbiamo ufficialmente intrapreso il nostro percorso nell’aprile del 2017, la nostra prima tappa è stata nell’ Oregon che vanta 59 dei 208 fiumi protetti.

IL NOSTRO EQUIPAGGIAMENTO
Abbiamo vissuto nel nostro RV dalla fine del 2016 che ci ha permesso di collaudare lo stile di vita in camper, cosa portare e cosa scartare. La selezione della nostra attrezzatura da fiume si è rivelata la più impegnativa, oltre a scoprire la diversità dei fiumi, abbiamo anche voluto sperimentare quei fiumi in modi diversi, ciò significa più attrezzature. Adam ha costruito un rimorchio per trasportare anche delle mountain bike e 5 kayak. Il nostro rimorchio non era resistente alla pioggia e cosi dal pavimento è passata l’umidità. Sacchi a pelo e biancheria in tessuto cominciarono a germogliare colonie di muffa alta due dita.
Susan è uscita dai gangheri dando di matto, ripulito tutto abbiamo trovato la soluzione trasbordando tutto nello SkyBox sopra al RV, per proteggere la nostra morbida biancheria dal nostro stile di vita bagnato. Abbiamo anche riverniciato l’interno e l’esterno del rimorchio per liberarci dei nostri amici funghi. In futuro ci aspettavamo giorni asciutti, il nostro RV viaggiava in direzione deserto.

SULLA STRADA
Da aprile, abbiamo fatto discese sul fiume Merced, dopo averlo visto immettersi sul Vernal Falls nel parco Yosemite. Abbiamo attraversato il Parco Nazionale di Zion disceso il fiume Vergine, mentre lungo i suoi sentieri passavano folle di escursionisti. Nell’Oregon lungo il fiume Owyhee abbiamo sostato diversi giorni, passando indimenticabili serate intorno al fuoco. Abbiamo esplorato un’ incredibile varietà di fiumi navigabili, i più preziosi della nostra nazione … ed è solo Luglio.
Presto, nel nostro programma ci sono alcuni fiumi del Montana come Wild & Scenic con i nostri amici Whitewater. Faremo tratti iconici del fiume Salmon nel Idaho, per poi viaggiare in un nuovo territorio nel Midwest. Dopo qualche mese di ritorno a Washington e in Oregon, inizieremo a prepararci per il nostro tour sulla costa orientale del 2018, dove festeggeremo l’anniversario di Wild & Scenic River.

 

Sentirsi piccoli in Nepal
Di Chris Baer

Le montagne più alte del mondo ci circondano, i loro picchi brillanti e incorniciati dalla neve, sembrano quasi noiosi rispetto alle vibranti bandiere di preghiera e alle strutture verniciate, nella quinta essenza dell’Himalayana di Jagat. Da questo villaggio nepalese microscopico, io e Garen Stephens avremmo iniziato un altro viaggio. Il piano era semplice; Kayak, da poco a nord di Jagat a trenta chilometri a valle fino all’acqua piatta di Mid-Marsyangdi, situata a sud della città di Besisahar.

Qualche giorno prima di arrivare a Jagat, incontrai Kate Stepan e Justin Kleberg a Pokhara, in Nepal. Avevamo dei progetti per quello che sembrava una missione abbastanza semplice…Ma la logistica internazionale sembra sempre avere una dozzina di chiavi, è solo una questione di tentativi, potrebbe succedere di tutto. Il veicolo si potrebbe guastare, la vostre abilità linguistica può farvi allontanare dalla vostra destinazione, potrebbero bloccare le barche. Oppure potrebbe essere che il tuo tentativo di agitazione non funziona e si ottiene l’effetto contrario o che mangiando qullo che sembrava un delizioso cibo di strada, ti fa venire una dissenteria. Il fatto che niente è in programma e se arrivi con tre ore di ritardo, tutto è normale. Cercando di far combinare quello che sembra essere una semplice logistica internazionale che quasi mai funziona, ma quando succede è quasi magico.

Nella prima tappa abbiamo viaggiato con un autobus turistico, (con meno polli sul tetto, di solito si rimedia un posto per i kayak.) Ha lasciato Pokhara quasi in orario, l’autobus non si è rotto e siamo arrivati a Besisahar a mezzogiorno. All’arrivo, la squadra si è suddivisa i compiti: guardare l’attrezzatura, cercare una stanza e trovare un fuoristrada. Dopo aver svolto i compiti, siamo andati all’albergo lasciato i bagagli nella stanza. Con il fuoristrada carico abbiamo imboccato il nostro sentiero, un strada sterrata. A Simpani (sul confine del parco Annapurna) ci siamo rapidamente adattati, arrivati sul fiume … era un’esplosione! Quasi tredici chilometri di acqua esplosiva, continua di classe 4°.

Dopo due giorni di classe quintessenza, Justin Kleberg e io siamo andati al’ufficio del parco dell’Annapurna Conservation Area, alla ricerca di un’autorizzazione. Con venti dollari a testa abbiamo ottenuto i nostri permessi di accesso speciale. Questo ci permette di andare più in alto e conoscere un altro tratto del fiume. Con il fuoristrada siamo arrivati fino a Lamjung ,qui abbiamo trovato una diga. Nonostante la diga interrompesse il corso del fiume, a valle il suo rilascio era importante. La sezione del fiume sembrava leggermente più ripida rispetto alla sezione inferiore. Era di nuovo spettacolare una classe 4/4 + whitewater nel tratto iniziale le linee erano significativamente più strette e dinamiche, poi la sezione inferiore, fortunatamente era completamente scivolabile.

Il giorno successivo, Kate e Justin dovettero partire, quindi ho chiesto a Garen Stephens se rimaneva ancora per un paio di giorni , mi ha detto che ci avrebbe pensato e fatto sapere. I tratti di fiume che abbiamo fatto finora erano discese classiche, un paio di giri su queste gemme sembrava obbligatorio.Il giorno dopo intorno a mezzogiorno, ci siamo incontrati per un rapido giro e per sapere di che pasta siamo fatti. Abbiamo immediatamente legato e concordato che sarebbe stata una discesa entusiasmante a salire ancora più in alto del Bacino.

La ricognizione fatta col la jeep è stata affascinante mentre il fiume ci ha lasciati perplessi. Salendo qualche chilometro dopo Jagat, la strada si è avvicinata al fiume, è li che è bastata un’occhiata per farci cambiare umore, un tratto di rapide in vertical

e, questa sezione è molto ripida una trentina di metri per chilometro. Non saremmo scesi in modo sicuro come nella sezione centrale e con il rischio di essere solo in due in quasi tutti i passaggi.
Pendii scoscesi, il trasporto dei kayak mette alla prova la nostra resistenza, dopo qualche passaggio Garen salta fuori dal suo kayak per dare un’occhiata, sul viso aveva un’espressione diversa, c’era la contemplazione e forse un po ‘di preoccupazione, mi ha gridato: “Vuoi dare una occhiata a questo!” Ia rapida era piuttosto cattiva. C’era sicuramente una linea, ma sembrava una di quelle rapide che tu avresti rimandato al giorno dopo, trasbordare sembrava quasi uguale, che tristezza. Stavamo andando in un buco nero, sopra ad un pendio a 45° con grandi rocce scivolose ci siamo affacciati a vedere un sifone, dopo c’era la struttura rocciosa simile a quella che abbiamo appena passato. Successivamente un salto in una crepa mortale e poi ancora sifoni. Come sentirsi piccoli all’ombra dell’Himalaya, dopo un’ora e mezza stavamo facendo lenti progressi. La discesa continua con rapide ancora più difficili, il tempo non era dalla nostra parte con il sole che presto è tramontato dietro l’Himalaya. Fortunatamente le pareti del canyon momentaneamente si sono aperte e ci hanno permesso di uscire dal fiume. Eravamo ad un chilometro dal pittoresco villaggio di Jagat, dove abbiamo apprezzato un letto relativamente morbido, cibo caldo e una birra fredda.

 

 

 

 

 

CONSIGLI

 

Pagaiare con vento e grandi onde
Scritto da Richard Alexander

 

La maggior parte dei canoisti sa che una nuotata in acqua è spesso preceduta da un’ondata presa ad un angolo sbagliato. A seconda del tuo livello di abilità, pagaiare grandi onde può essere spaventoso o divertente. Seguire semplici suggerimenti per pagaiare nelle onde per un’esperienza positiva.
La differenza
Non tutte le onde sono uguali. Le onde del vento sono corte, spezzate e ripide e sono generate dal vento in un’area locale. Le onde di marea sono caratterizzate da superfici lisce con lunghezze d’onda più lunghe e sono generate da sistemi meteo a distanza. Il gonfiore si trova solo sui laghi più grandi e sull’oceano aperto, le onde del vento si trovano ovunque.
Il gioco d’angolo
Quando si va in ondata di vento, è comune che l’arco si abbatte, di solito ci sbatti contro prendendo l’onda in faccia. La soluzione è di prendere le onde su un angolo di 45 gradi, questo allunga la distanza tra le creste delle onde. Riduce anche la pendenza e rende più corta la corsa. Pagaiare paralleli ad un’ondata di vento è una posizione instabile e dovrebbe essere evitato. Pagaiando sull’ onda, tenere i fianchi allentati, permette alla barca di muoversi con l’onda mentre passa sotto. Quando si lavora con le onde del vento da dietro, usa un timone forte per mantenere la barca nel passaggio dell’onda
Sbrigati
Lo stimolo è il tuo amico è ciò che spinge a far qualcosa. Quando affrontano un’ondata, molti canoisti inesperti si bloccano invece di mantenere il ritmo e continuare a pagaiare. La tua barca è più stabile con la tua pala in acqua e con slancio in avanti. Concentrati sulla pagaiata pianta la tua pala in cima ad ogni onda e immagina di guidare i fianchi in avanti e sopra le creste. Spostando un po’ di peso sulla poppa può aiutare a cavalcare sulle onde, ma fai attenzione a non esagerare, potrebbe essere necessario cambiare direzione ad un certo punto.
Paraspruzzi
Di gran lunga un accessorio indispensabile per un canoista che affronta le onde, che siano di vento o di marea. Il paraspruzzi impedisce all’acqua di entrare e mantiene la barca asciutta, aumentando significativamente il tuo comfort e la sicurezza nelle onde.
Problemi di progettazione
Il design aperto di una canoa, significa che anche le onde modeste possono rompere l’arco e salire in coperta, in questo senso la barca prende acqua. Le canoe con il rocker più pronunciato sono più piacevoli e più sicure nelle onde. Le canoe da escursione si adatteranno molto meglio rispetto alle barche da gara.
Attenzione
Poiché le onde di marea vengono in serie di onde di diversa grandezza, alcune si romperanno su fondali bassi o su rocce subacquee dove onde normali non frangono. Le mappe nautiche mostrano le caratteristiche dei fondali, (ovviamente in posti che non conosci e che vuoi evitare) . Guardare sempre molto avanti, ricordati le caratteristiche di dove sei , gli ondoni si rompono prima di arrivare.

 

INFO COSTRUTTORI

 

Jackson Kayak annuncia un nuovo brand e una nuova barca 

Jackson Kayaks ha introdotto sul mercato un nuovo brand “Blue Sky Boatworks” e una nuova barca, la 360 Angler. Con il suo design a catamarano con un sedile da capitani a 360 gradi, questa barca è chiaramente unica. Il 360 Angler dispone di 10 metri quadrati di spazio in piedi. I catamarani lo rendono estremamente stabile con due comodi spazi a poppa e a prua , in modo da poter portare tutta la tua attrezzatura e avere ancora spazio per il tuo migliore amico peloso. Il sistema di azionamento a flessione, molto simile all’azionamento dei kayak di Coosa FD e Cruise FD, è rimovibile in modo da poter inserire un motore a batteria. Viene fornito con un sistema di doppio timone, in modo da poter manovrare facilmente e tenere il proprio posto. Questo è il prototipo, ma la compagnia prevede di essere sul mercato entro marzo 2018. Blue Sky e Jackson Kayaks potrebbero cambiare il mercato del kayak con questo design innovativo.

 

 

Old Town Castine Touring Kayak
Old Town doopo 10 anni torna nel mondo del kayak da turismo, due nuovi modelli Castine & Sorrento, due kayak da turismo dedicati alla forma e alla comodità, offrendo molti vantaggi La Castine è un kayak leggero da m 4,20, con molto spazio di stoccaggio a secco con un esclusivo coperchio di chiusura con guarnizione Necky , rimanendo tutto asciutto. Una delle innovazioni più cool è una maniglia a scatto sulla coperta del kayak, un’altra caratteristica unica è una cabina di guida molto grande quindi non avrai problemi a entrare e uscire dalla barca. Le staffe della coscia sono regolabili in modo da personalizzare l’assetto. Sorrento è un kayak da turismo fornito di una pinna mobile, la sua versatilità lo rende perfetto per il canoista principiante o intermedio. La Sorrento è disponibile in due taglie, 106sk e 126sk. Dispone del sedile più comodo al mondo e un vano chiuso per lo stoccaggio a secco.
Ifo costruttore  http://www.oldtowntouring.com/

Nuove culle Yakima
Handrol costo € 100.00
Progettato per aiutarti e supportare facilmente qualsiasi tipo di kayak sul tetto, i rulli in gomma di HandRoll forniscono assistenza per il carico con presa, stabilità e protezione. Le basi ruotano per adattarsi automaticamente alla forma della barca, quindi serrare a fondo per fissarlo durante il viaggio. Il supporto universale è adatto alla maggior parte delle barre in commercio – non sono necessari attrezzi e sono incluse cinghie.
Il supporto per pagaia Yakima
Yakima ha prodotto questo nuovo porta-pagaia, si blocca nel tuo rack, in modo da poter risparmiare spazio all’interno del veicolo.

 

 

 

Info costruttore  https://www.yakima.com/