Parteciperemo alla Vogalonga!


 

“Parteciperemo alla Vogalonga!”
Di Riccardo Cicchetti
Queste le parole del mio amico Luca una sera delle tante passate insieme prima del Capodanno 2017.Mi ha convinto subito … informiamoci per partecipare! Veniamo ricevuti al Canoa Club di Rimini un giovedì sera a Gennaio nella sede del Palazzetto. In men che non si dica eravamo già iscritti con appuntamento fissato al sabato nelle acque del lago Santarini. La luce negli occhi di Ugo e Gigi mentre ci descrivono l’emozione provata nelle varie edizioni a cui hanno partecipato ci conquista. Km e km passati in acqua ascoltando le storie degli amici del club … gare, raduni, mangiate .
Arriva il caldo…ed il 04 giugno è lì … L’emozione sale! Il sabato mattina brindisi di rito e si parte. I partecipanti: Oliviero Guido Ovidio Luca Riccardo (il sottoscritto) Il datato pulmino  Mercedes non molla e ci accompagna a Venezia senza battere ciglio (qualche scricchiolio un po’ preoccupante in realtà c’è stato …) Troppa l’emozione! Smorzata prontamente da una serie di birrette stuzzichini in giro per le calle della laguna. Scende la notte, ma Venezia è comunque piena di gente in giro per locali. Troviamo un ristorante e vai di pizza ! Il problema fame è stato risolto , ma la gola è ancora un po’ secca…sai com’è…è importante idratarsi. Il letto chiama, la Champions è passata … è ora di pensare alla VOGA. Al mattino, già dalle sette è pieno di colleghi da ogni parte del mondo in divisa e con la pagaia a presso. Ci mettiamo in fila per calare le canoe in acqua e puntuali per le nove arriviamo davanti a piazza San Marco. Guido mi avvisa: “Ricordo ancora benissimo la prima volta a cui ho partecipato!” Alzata di remo…inno…Cannonata !!!! Si parte !!!!  Avessi avuto addosso il cardiofrequenzimetro avrebbe segnato un preoccupante record. Abbiamo incrociato ogni tipo di imbarcazione ed il più variegato equipaggio…grandi canoe con bambini di neanche dieci anni al comando , piccolissime canoe con grandi uomini dalla circonferenza addominale tale da non aver bisogno del paraspruzzi! Veneziani , ubriachi fradici sin dalla partenza con barche dotate di barbecue e salsicce…Gigi…il barbecue a bordo…Sono troppo avanti !!! Dragoni dall’ Olanda, Francia, Germania, Ungheria, Cin, Inghilterra. Bellissime ragazze su barche da canottaggio che con due remate ti passavano in scioltezza ma tu per non mollare facevi il Figo e per poco ci rimani secco…Luca mi fa notare una bellissima gondola, a prua l’uomo a poppa la donna ed in mezzo spuntava solo testolina bionda di bimba tant’era piccola. Passiamo di fianco ad una canoa gonfiabile con tutta la famiglia di 4 e in cima il cane…Ne abbiamo viste veramente di tutte le specie. Finalmente pausa di ristoro a metà percorso , merenda e si riparte. Ovidio fila che è una bellezza , Oliviero e Guido penso che non abbian nemmeno versato una goccia di sudore , Luca avrà fatto almeno tre giri di Venezia senza fare una piega. Per me…vedere di nuovo piazza San Marco e quindi l’arrivo…VABBE’…Senza parole! È tutto davvero sorprendente ed emozionante. Ha superato ogni aspettativa , non avrei mai immaginato di ritrovarmi in acqua con tutte quelle persone , tanti colori , ed ammirare la gioia…la mia stessa gioia in tanti uomini e donne che amano questo sport. Spero di rifarla, con più amici possibile e con la stessa emozione della prima volta, che non scorderò mai.
Grazie a tutti